Microcappotto per interni: tecnologia aerospaziale utilizzata dalla NASA

“La polvere isolante eco-compatibile è stata testata per la prima volta nel 1996 nella missione STS-79. È stato un tale successo che è stato adottato per tutti i successivi voli dello shuttle, con  raticamente nessuna vernice mancante o scheggiata sui booster esauriti durante le ispezioni post-volo. La polvere contiene sfere cave e microscopiche in ceramica e un processo unico applica un rivestimento a queste “microsfere”.

Quando la vernice si asciuga, forma una barriera termica radiante, convertendo la normale vernice della casa in una pittura termica che riflette il calore. Quando applicato sui muri, il soffitto o il tetto, crea una barriera che riflette il calore dalla casa, in più mantiene il calore e il raffrescamento dove dovrebbero stare. Questa riduzione del fabbisogno energetico, non è solo conveniente, ma è anche utile all’ambiente, una via facile di creare un effetto “casa ecologica”

Molte aziende utilizzano vernici isolanti per rivestire i condotti dell’aria  ondizionata, i tubi e i raccordi del vapore, gli edifici metallici e le celle frigorifere, come i congelatori e i congelatori. Ad esempio, Purina Feeds utilizza una versione della polvere isolante per
coprire i silos di stoccaggio, contribuendo a prevenire il deterioramento dei mangimi.

L’industria del pollame lo usa per aiutare a regolare il clima all’interno dei suoi vivai. Samsung la applica sui veicoli militari e la divisione cantieristica della Hyundai Corporation la vernicia su navi. È persino stato utilizzato per isolare le scatole degli interruttori elettrici all’esterno dei jet da combattimento per prevenire il surriscaldamento.”

Per maggiori informazioni visita https://www.nasa.gov/topics/nasalife/green_paint.html

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *