audit-energetico-cuoo-energia

Audit energetico: che cos’è

L’Energy Audit o diagnosi energetica o audit energetico è una valutazione sistematica, documentata e periodica dell’efficienza dell’organizzazione del sistema di gestione del risparmio energetico.

L’Energy Audit o (Audit energetico) è una delle componenti chiave all’interno di un programma di efficienza energetica e la sua importanza nasce dal fatto che viene utilizzato per stabilire dei parametri per le misurazioni da effettuare.

I Paesi membri dell’Unione Europea hanno da tempo avviato procedure per la certificazione energetica degli edifici atte a  correggere gli sprechi energetici e promuovere azioni successive che portino ad una riduzione dei consumi.

La diagnosi energetica si pone l’obiettivo di capire in che modo l’energia viene utilizzata, quali sono le cause degli eventuali   sprechi ed eventualmente quali interventi possono essere suggeriti all’utente, ossia un piano energetico che valuti non  solo la fattibilità tecnica ma anche e soprattutto quella economica delle azioni proposte.

Si basa sul raccogliere e analizzare tutti i dati provenienti dall’utilizzo energetico dei vari utilizzatori; tali dati (che successivamente verranno analizzati per studiare il consumo specifico) possono essere reperiti principalmente nelle fatture o nelle bollette. Le misurazioni sono effettuate basandosi su precisi criteri economici. Le migliori misurazioni effettuate, vanno successivamente a far parte del “Piano di Azione” (Action Plan), dal quale poi nascerà un report per l’Energy Audit che raccoglie tutte le misure e tutti i parametri necessari per prendere una decisione.

L’ Energy Audit può essere fatto da uno specialista che ha anche conoscenza di impianti, trasferimento di calore, e altre tecniche per valutare l’efficienza di una casa o edificio.

La Diagnosi Energetica degli edifici è un insieme sistematico di rilievo, raccolta ed analisi dei parametri relativi ai consumi specifici e alle condizioni di esercizio dell’edificio e dai suoi impianti definibile come una “valutazione tecnico-economica dei flussi di energia”.

I suoi obiettivi sono quelli di:

  • definire il bilancio energetico dell’edificio
  • individuare gli interventi di riqualificazione tecnologica
  • valutare per ciascun intervento le opportunità tecniche ed economiche
  • migliorare le condizioni di comfort e di sicurezza
  • ridurre le spese di gestione

Lo strumento principale per conoscere e quindi intervenire efficacemente sulla situazione energetica di un’azienda è l’audit energetico: si tratta di un’analisi approfondita condotta attraverso sopralluoghi presso l’unità produttiva e l’esame di documenti forniti dall’azienda. Vengono raccolti i dati di consumo e i costi energetici ed inoltre dati sulle utenze elettriche, termiche, frigorifere, acqua (potenza, fabbisogno/consumo orario, fattore di utilizzo, ore di lavoro, etc.). Su questa base si procede nella ricostruzione dei modelli energetici. Da tali modelli sarà possibile ricavare la ripartizione delle potenze e dei consumi per tipo di utilizzo (illuminazione, condizionamento, freddo per processo e per condizionamento, aria compressa, altri servizi, aree di processo), per centro di costo, per cabina elettrica e per reparto, per fascia oraria e stagionale. La situazione energetica, così inquadrata, viene analizzata criticamente ed in confronto con parametri medi di consumo al fine di individuare interventi migliorativi per la riduzione dei consumi e dei costi e la valutazione preliminare di fattibilità tecnico-economica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *